ARCHIVIATO POSITIVAMENTE DAL CONSORZIO IL 2017

23 Luglio 2018

Il bilancio consuntivo 2017, specchio della gestione dell’ente, rivela che gli obiettivi politico-gestionali approvati nel bilancio preventivo sono stati raggiunti. La tornata elettorale di fine anno si è conclusa positivamente con un notevole incremento del numero dei votanti e con rinnovo di 1/3 dei consiglieri.


“Nonostante le temute criticità che potevano riguardare il servizio irriguo – sottolinea la Presidente del Consorzio Ada Giorgi – a causa di una stagione estiva particolarmente siccitosa, siamo stati in grado di affrontare la situazione senza allarmismi, anche grazie ai lavori appena conclusi all’impianto di Boretto, che hanno consentito il prelievo della risorsa nel fiume Po nonostante livelli contenuti; tutti gli utenti che hanno fatto richiesta sono stati serviti, e serviti senza turnazione”.
Per il miglioramento dell’efficienza degli oltre 900 chilometri di canali di scolo e fronteggiare per quanto possibile le bombe d’acqua che da alcuni anni creano così forti disagi nei centri abitati ed anche nelle campagne, si è provveduto ad incrementare il numero di ore di operatività dei mezzi di manutenzione mediante il sistema dei turni per gli addetti, ed anche l’aumento del numero di ore a nolo per conto terzi; sono così aumentati i chilometri di espurghi e risagomature dei canali “massacrati” in molti tratti dalle nutrie.
Tra le attività speciali si segnalano: a) l’avanzamento dei lavori di costruzione della nuova contro chiavica a Moglia di Sermide, che dovrebbero concludersi entro l’anno corrente; b) la prosecuzione della progettazione delle opere approvate nell’ambito della ricostruzione post-terremoto, fra cui la delocalizzazione dei due impianti idrovori.
Nel quadro dell’obiettivo di maggiori economie gestionali si è concluso l’iter dell’assorbimento del piccolo consorzio di bonifica “Distretto Digagnola-Po Morto” posto in comune di San Benedetto, portato a termine in tempo per consentire anche a quei proprietari di partecipare alla tornata elettorale svoltasi a fine anno.
“Infine – conclude il Direttore Raffaele Monica – occorre ringraziare le maestranze impegnate nel garantire la sicurezza del territorio, che hanno saputo interpretare al meglio la nuova organizzazione del lavoro introdotta dal Mansionario del Piano di Organizzazione Variabile, crescendo in autostima e competenza professionale e garantendo un’impeccabile gestione irrigua anche in una situazione di conclamata emergenza come quella dell’estate scorsa”.