APPROVATO ALL'UNANIMITA' IL BILANCIO DI PREVISIONE 2019

24 Dicembre 2018

Il bilancio di previsione 2019, presentato al Consiglio dal Presidente Ada Giorgi, che ha trovato la piena approvazione da parte di tutti i consiglieri, si è prefissato alcuni obiettivi principali per il 2019.

“Il consolidamento del percorso intrapreso da alcuni anni sul tema della manutenzione ordinaria alla rete scolante è senza dubbio il principale intento per il nuovo anno - illustra il Presidente - di cui, da più parti, si sono avuti riscontri positivi a seguito delle attività svolte con migliaia di ore di mezzi d’opera, anche per turni, lungo la rete dei nostri canali”.

“Per contrastare le modifiche climatiche è necessario mettere in campo opere di prevenzione come l’automazione dei principali sbarramenti sottesi alla rete fognaria dei centri abitati, per rendere l’azione più tempestiva ed efficace, incrementando nel contempo la rete di telecontrollo dei livelli.

Inoltre – continua Ada Giorgi – si prosegue con il contenimento delle nutrie, animali invasivi che quasi indisturbati portano avanti la sistematica devastazione delle sponde dei canali, la cui stabilità risulta in molti tratti compromessa; il nostro consorzio è stato tra i primi a destinare delle risorse specifiche su questo tema”.

L’ente è nella necessità per vari motivi, di sistemare anche dal punto di vista logistico il cospicuo archivio risalente alla fine dell’Ottocento, posto presso la sede consortile di via Spagnoli a Mantova. “Il Consorzio Terre dei Gonzaga in Destra Po - precisa il Direttore Raffaele Monica – è depositario di un patrimonio storico-culturale straordinario: è doveroso tramandarlo nelle migliori condizioni possibili per renderlo anche fruibile agli appassionati ed a tutta la comunità”.

“Nel corso del prossimo anno - prosegue il Direttore - sarà particolarmente intensa l’attività progettuale per continuare l’opera di ripristino dei danni cagionati dal terremoto, fra cui alcuni manufatti di attraversamento stradale particolarmente lesionati, e la delocalizzazione dei due impianti idrovori”.

Tra le attività di maggiore interesse discusse durante la seduta, anche la costruzione della nuova controchiavica a Moglia di Sermide. I lavori stanno proseguendo dopo l’interruzione causata dall’allagamento del cantiere a seguito della piena del Po e la conclusione dell’opera è prevista entro i primi mesi dell’anno.